Seleziona una pagina

La presenza di depositi adiposi localizzati ai troccanteri e interno coscie, richiede per l’eliminazione chirurgica delle tecniche specifiche.

La tradizionale liposuzione si è evoluta con tecniche meno invasive come la liposcultura, lipojet o liposurf e con anestesie tramite infiltrazione abbondanti di sieri fisiologici con anestetici locali diluiti e vaso costrittori per non fare sanguinare.

Il post operatorio immediato non è più doloroso e con molti meno lividi.

L’obiettivo di queste tecniche è quello di rimuovere i depositi adiposi, la cellulite e la pelle a buccia d’arancia presente sulle cosce.

La liposcultura delle cosce prevede che tramite piccole incisioni si aspiri la cellulite ed il grasso (ovvero gli adipociti) utilizzando cannule molto piccole.

L’aspirazione del grasso e della cellulite dalle cosce può avvenire:

– con vuoto meccanico

– con vuoto manuale per aspirazione di piccoli quantitativi (si parla in questo casi lipojet)

Il LIPOSURF è invece una tecnica molto meno invasiva che agisce solo superficialmente ed è finalizzata a attenuare la pelle a buccia d’arancia mediante delle cannule più piccole di quelle impiegate per liposcultura/lipojet.
Non si riduce il volume del deposito adiposo ma si agisce sulla ritenzione idrica e sulle fibrosità che determinano l’aspetto esteriore tipico.

Per la chirurgia estetica delle cosce l’anestesia è prevalentemente locale per 1 – 2 localizzazioni, con sedazione anestesiologica locale con ricovero giornaliero se il numero delle aree da trattare è superiore.

Nel decorso post operatorio sono presenti lividi e gonfiori che si attenuano in 2 settimane ed è necessario indossare una guaina specifica per 30-40 giorni.

Se oltre al tessuto adiposo sulle cosce è presente un eccesso di pelle considerevole bisogna associare alla liposcultura anche il lifting interno delle cosce ovvero la rimozione della cute rilassata.