Seleccionar página

CHIRURGIA ESTETICA

Homepage | Chirurgia estetica | Corpo | Addominoplastica
Addominoplastica

Inestetismo
Addome pendulo (Addome cascante)

Intervento
Addominoplastica associata liposcultura

Descrizione
Esistono 4 diverse tipologie di ADDOMINOPLASTICA:

  • In caso di Addome grasso con pelle elastica e quindi non cascante (senza grembiule soprapubico) la LIPOSCULTURA è l’unico intervento risolutivo.
  • In caso di Addome grasso con pelle cascante solo nell’area sotto ombelicale si esegue la LIPOSCULTURA e l’asportazione di una piccola losanga sopra pubica (la cicatrice sopra pubica è relativamente corta).
  • In caso di Addome grasso con pelle cascante sopra ombelicale e sotto ombelicale si esegue la LIPOSCULTURA e l’asportazione di una losanga media di pelle sovra pubica e disinserzione/reinserzione del piano muscolare dell’ombelico (senza cicatrice ombelicale) con una cicatrice che sarà relativamente contenuta (è sopra pubica e si estende verso le anche).
  • In caso di Addome grasso con abbondante pelle cascante dopo l’eliminazione del grasso in eccesso con la LIPOSCULTURA, l’ombelico viene staccato dal lembo cutaneo e viene lasciato inserito nella parete addominale.Dopo aver tolto la pelle in abbondanza e averla suturata verso il pube, attraverso un piccolo foro, l’ombelico si fa rispuntare nella posizione anatomicamente corretta e si sutura facendolo fuoriuscire.

 

Anestesia

  • una rotonda intorno all’ombelico (che nella maggior parte dei casi non è visibile perché interna alla cicatrice ombelicale);
  • una sopra pubica (nascosta negli slip) simile a quella di un taglio cesareo.

Una variante è quella con cicatrice sottomammaria e soprapubica con ombelico lasciato nella sede originale.
Se i fianchi sono larghi e c’è un rilassamento muscolare, si interviene sui muscoli dell’addome (retti e obliqui) per serrarli verso la linea mediana, riducendo così anche il girovita.
La lunghezza delle cicatrici è proporzionale alla pelle da togliere, anche se, con la mia tecnica personale vengono ridotte del 30% rispetto alle tecniche utilizzate abitualmente
Le cicatrici essendo molto ridotte con la mia tecnica, sono inizialmente “arricciate” però nel giro di 6 mesi si spianano: un eventuale ritocco per renderle ancora più sottili si può eseguire dopo 7-9 mesi.


Anestesia

Locale con sedazione in DAY HOSPITAL per gli addomi inferiori (l’anestesia generale è ormai quasi obsoleta).
Le nuove tecniche anestesiologiche sono molto più soft di quelle usate in passato: motivo per cui Il ricovero di una notte si rende necessario solo per gli addomi più grandi.

Guarigione

Gli edemi e le ecchimosi si attenuano e scompaiono in un paio di settimane.
Il dolore negli addomi grossi dura 2 o 3 giorni e si avverte nei piegamenti, ma è controllabile con i normali antidolorifici, alcuni gonfiori residui possono durare alcuni mesi.
Anche per questi interventi l’utilizzo nel decorso post operatorio di guaine apposite contribuisce a ottimizzare il risultato.
Per gli interventi più invasivi si consiglia riposo quasi totale per almeno una settimana.

I risultati di un’addominoplastica completa sono permanenti e potranno essere apprezzati solo dopo alcuni mesi dall’intervento.

L’addominoplastica non è un intervento pericoloso ma è sempre necessario che gli esami preoperatori siano in ordine e che il paziente goda di buona salute.

Le complicazioni (ematomi, sieromi, infezioni o allargamento delle cicatrici per circoscritte sofferenze circolatorie del lembo distale) sono paragonabili a quelle di alti interventi di chirurgia estetica ma sono molto rare e sono facilmente prevenibili adottando tutte le procedure pre e post operatorie corrette.

Come si svolge l’intervento

PHOTOGALLERY

Immagini prima e dopo alcuni interventi estetici e chirurgici

ARTICOLI COLLEGATI

Intervento di cantoplastica

Le palpebre che presentano la piega anti-mongolica, una caratteristica che rende il viso stanco e abbattuto, possono essere corrette. Anatomicamente...